UA-144581869-2

La gravidanza non teme l’aumento delle temperature. Ma le nostre mamme un po’ la temono. Infatti, tra caldo, piedi gonfi e stanchezza, non trascorrono quasi mai giornate semplici.

Quale rimedio estivo adottare al mare se si è incinte?

Primo rimedio contro il caldo estivo, vademecum di una gravidanza sotto il sole

Ne avrete sentito parlare in tutte le salse, ma è sempre bene ripetere questo rimedio contro il caldo estivo: alla base del nostro esercito da combattimento contro il caldo vi è l’acqua!
È bene bere più liquidi, adoperare quando possibile il condizionatore, senza esagerare per non creare sbalzi eccessivi di temperatura.

Per alleviare la calura, anche in casa, ci si può immergere in vasche con amido di riso che ha una lieve azione assorbente e rinfrescante.

Quale rimedio estivo per il gonfiore?

Il gonfiore è l’ennesimo compagno di viaggio delle donne che aspettano un bebè in estate e allora: camminiamo che ci passa! Al mare sono ottime le passeggiate in acqua, preferibilmente nelle ore più fresche della giornata, quando le temperature diventano gradevoli per liberare la mente dalle pesantezze della giornata.

Proteggersi dalla luce solare, vediamo il terzo dei rimedi estivi

Terza regola: proteggere sempre la pelle con una crema con filtro solare elevato, soprattutto sul viso, soggetto alle macchie. Le donne più a rischio sono proprio quelle con un fototipo scuro, quella carnagione olivastra che sembra chiedere raggi al sole. Questo perché la loro pelle è geneticamente predisposta a produrre più melanina. Insomma, in questo periodo devono stare attente al sole proprio tutte: quelle con pelle chiara perché possono scottarsi, quelle con pelle scura perché sono maggiormente predisposte al cloasma, ovvero quelle macchie al volto tipiche della gravidanza!

rimedio estivo, proteggersi dalla luce solare

Ma dove può andare in vacanza una mamma incinta?

Qualunque sia la scelta è bene sapere qualcosa sulle possibili destinazioni.
Se ad essere scelto è proprio il mare, di certo verranno asserviti compiti quali rilassarsi, sgonfiarsi, non mettere più chili del dovuto, grazie alla presenza di iodio che stimola il metabolismo e aiuta a tenere il peso sotto controllo.

Leggi anche: abbronzatura in gravidanza, 13 errori da non fare

Ma se si opta per destinazione montagna meglio non andare oltre 1.300-1400 mt perché quando aumenta l’altitudine, diminuisce la concentrazione di ossigeno nell’aria. Meglio evitarlo quindi, perché il sistema placentare ha bisogno di raccogliere più ossigeno possibile dall’organismo materno. Inoltre più aumenta la quota, più è facile allontanarsi da possibili strutture sanitarie.

Rimedio estivo donna in gravidanza, prendere l'aereo

Aiuto! Sono incinta e devo prendere l’aereo!

Si parte per la nostra vacanza in aereo? No problem!
Durante il volo, ricordiamoci di bere, sederci in un posto dove possiamo muoverci, quindi lato corridoio. Alziamoci spesso e camminiamo qualche minuto ogni mezz’ora! Ovviamente allacciamo la cintura di sicurezza sotto la pancia. E se il viaggio, in aereo o in macchina, dura più di 4 ore, vanno indossate le calze elastiche, così da prevenire trombosi venose!

Fare sesso in gravidanza come rimedio estivo per l'umore

Quarto rimedio estivo e altre soluzioni per una mamma in gravidanza

Come per ogni periodo dell’anno, ma ancor di più d’estate, la mamma è soggetta con il caldo a perdere sali minerali e liquidi. Cosa fare quindi? Semplicemente mangiare molta frutta e verdura, ben lavati, a volontà!
L’estate è la stagione dei sensi, per cui se non ci sono controindicazioni mediche, fare l’amore in gravidanza fa bene.

Fare l’amore in gravidanza fa bene per almeno due motivi: l’umore dei futuri genitori ne trae beneficio e prepara al parto perché mantiene i muscoli pelvici elastici e allenati.
E allora: “Che l’estate addosso non spaventi, ma elevi a potenza, come la nuova vita che è in voi!”.

a cura di: Amalia Allevato

Ostetrica di origini calabresi che, in seguito al conseguimento della Laurea in Ostetricia presso l’Università degli Studi di Parma nel 2017, con il massimo dei voti, decide di tornare nella sua terra d’origine per portare la bellezza delle sue competenze professionali sul territorio. Formatasi come “Ostetrica
Esperta in Analisi e Assistenza alle vittime di abusi sessuali
” e nell’ambito della Riabilitazione del Pavimento Pelvico, accompagna le Donne nella costruzione del sé nelle diverse fasi dell’esistenza, sulle quali aleggiano processi di cambiamento psicologico, sociale ed individuale. Si occupa di:
incontri di Accompagnamento alla Nascita, segue il puerperio a domicilio, organizza incontri di sensibilizzazione su diversi temi quali il menarca, lo svezzamento, la contraccezione e garantisce una forma di assistenza personalizzata.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *