UA-144581869-2

 

Benvenuto al mondo!!!

Dopo i giorni trascorsi in ospedale si torna a casa e da qui parte la vera e meravigliosa avventura.
Mamma adesso dipendi completamente da lui e goditi ogni singolo istante perchè il tempo vola…
L’emozioni sono molto contrastanti non sei abituata a riposare di giorno senza fare le faccende domestiche, la stanchezza a volte prevale ma poi guardi il tuo bambino e ti rendi conto che tutto il resto può aspettare…

Esiste lui prima di tutto…

Il sonno del tuo bambino non è come quello di un adulto, in media ogni due ore si sveglia per essere allattato sia di giorno che di notte, se sei fortunata ogni tre o quattro.

Una cosa importante nei primi 12/15 giorni di vita non far passare da una poppata all’altra più di quattro ore per il rischio di un calo glicemico.

Se dorme prova a proporre il seno nel sonno oppure con delicatezza prova a svegliarlo.
Non ti far spaventare dal calo di peso che ha avuto in ospedale, tutti i bambini perdono peso ma vedrai che lo recupererà alla svelta.
Il cambio del pannolino è sempre un’impresa, soprattutto se è un maschietto sarai colpita molte volte da pipì volante, per il moncone ombelicale stai tranquilla a breve sara solo un lontano ricordo, continua a medicarlo seguendo le indicazioni dell’ospedale dove hai partorito.
Se dovessi trovare della secrezione giallina nell’occhio non allarmarti, il dotto lacrimale nei primi mesi a volte si ostruisce causando queste lacrime un po dense sul giallino, pulisci gli occhi mattina e sera con una garza e qualche goccia di soluzione fisiologica o tutte le volte che trovi l’occhio sporco.

 


Riposati più che puoi e se ti va ascolta anche della buona musica rilassante, farà bene sia a te che al bambino.
Non ti spaventare se la notte ti sembra un po più irrequieto in confronto al giorno è normale, il silenzio, il buio non lo tranquillizzano e cercherà maggiormente il tuo contatto per risentire quel battito di cuore che tanto lo rassicura.

Dormite insieme vicini!

 

 

Durante il giorno ti potrà aiutare molto tenerlo in fascia, cuore a cuore (che cos’è il babywearing) sarai anche più comoda per muoverti e lui dormirà profondamente.

 

Il papà avrà un ruolo fondamentale in questo mese, dovrà proteggere la tranquillità della sua casa e della neomamma che sarà ancora un po’ provata dal parto, potrà anche fare degli ottimi pranzetti e cenette e qualche pensiero dolce non è da scartare.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *